Oggi su TechnoGirl

Chat Sticker, la novità di Instagram per chattare nelle Stories

Chat Sticker, la novità di Instagram per chattare nelle Stories

Flexo, il sistema di ricarica wireless che porti dove vuoi

Flexo, il sistema di ricarica wireless che porti dove vuoi

Sapevi che puoi zittire chi vuoi su Twitter?

Sapevi che puoi zittire chi vuoi su Twitter?

Lo schermo smart che diventa una finestra su quel che vuoi tu

Immaginare uno schermo smart dentro casa ormai non è qualcosa di lontano dalla realtà ma una realtà conquistata a tutti gli effetti. Che questo schermo possa anche aprirci una finestra (anche se virtuale) su qualunque mondo ci venga in mente di contemplare è un’idea di Ryota Yokozeki che firma il progetto di Atmoph.

È questo il nome dello schermo che vedete in foto che supera l’idea dello schermo televisivo e persino quella dello schermo del pc per diventare qualcosa di più, di ulteriore. E non solo strettamente funzionale ma anche puramente decorativo.

Sì, perché questo speciale schermo non fornisce solo una serie di utilissime funzioni ma apre – letteralmente – una finestra sull’altrove. Potete scegliere voi su cosa la vostra finestra virtuale deve affacciarsi: un paesaggio amato, uno scenario fiabesco, un luogo che sperate di visitare prima o poi o la meta del prossimo viaggio (e in questo caso fornisce anche tutte le informazioni che potreste desiderare).

In pratica è come un magico portale che si apre su qualunque mondo vogliate affacciarvi per ritemprarvi da una giornata storta, evadere durante il relax, gettare uno sguardo prima di uscire per immegervi nel vostro mondo quotidiano. Può trattarsi di foto ma anche di video (con tanto di suoni) da scegliere tra migliaia e migliaia di possibilità da una libreria davvero immensa.

Lo schermo è compatibile con Google Home quindi potete anche chiedere a voce cosa volete visualizzare. E ovviamente ci sono anche funzioni smart molto più concrete di un sogno a occhi aperti nel quale immergersi. Potete consultare il meteo, il vostro calendario di impegni, ascoltare e diffondere la musica, controllare il bebè nell’altra stanza come con un classico baby monitor.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

I più letti del mese

I più commentati del mese