Oggi su TechnoGirl

StandbyME, il nuovo speaker di LG

StandbyME, il nuovo speaker di LG

Functionland FxBlox, l’archiviazione dati design

Functionland FxBlox, l’archiviazione dati design

FreePower, il pad per ricaricare wireless

FreePower, il pad per ricaricare wireless

Un satellite spazzino è andato in orbita: basta detriti spaziali

È entrato ufficialmente in servizio il nuovo satellite spazzino progettato per individuare i detriti spaziali e aiutarci a immaginare missioni di pulizia. È partito dalla Nuova Zelanda su un razzo Electron di Rocket Lab.

Si chiama ADRAS-J, lo ha progettato Astroscale e fa parte della prima fase di un programma dell’agenzia spaziale giapponese Jaxa. Il satellite tenterà di agganciarsi a un razzo giapponese in orbita dal 2009 e ormai abbandonato. Lo scopo è capire se e come si può intervenire sui detriti spaziali per far fronte a un problema sempre più impellente.

Da decenni, infatti, sull’orbita terrestre si accumulano detriti abbandonati, tanto che le agenzie spaziali di tutto il mondo stanno provando a sviluppare soluzioni per affrontare il problema. Qualcuno immagina di deorbitarli, cioè spostarli dall’orbita spingendoli a un’altitudine più bassa così che brucino nell’atmosfera.

ADRAS-J ha un altro obiettivo, più esplorativo. Si avvicinerà a un grosso detrito e scatterà foto per valutare le due condizioni, sulla base delle quali si deciderà se e come rimuoverlo. Già si parla di sostenibilità spaziale. Ma è ancora presto.

Foto di NASA su Unsplash

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

I più letti del mese

I più commentati del mese